23 Maggio 2022
No menu items!
HomeDa non perdereRiaperta a Padova la grande mostra su Van Gogh, visite fino alle...

Riaperta a Padova la grande mostra su Van Gogh, visite fino alle 21

Riapre a Padova al Centro San Gaetano la mostra “Van Gogh. I colori della vita”; una esposizione che  non ha nulla di generico e non è solo una sfilata di quadri e disegni, che pur in molti casi sono capolavori notissimi.

È invece un sorprendente percorso volto a far conoscere, passo dopo passo, alcune trame della vita e dell’opera di Van Gogh non così affrontate finora. Questo per la volontà del curatore di ricostruire l’intero percorso, includendo anche quanto di solito non viene compreso o è stato poco o per nulla studiato.

E’ lo stesso Van Gogh a raccontarsi in mostra, attraverso le sue lettere. Esse sono il filo conduttore di un poderoso volume di 850 pagine che Marco Goldin, ideatore e curatore della mostra, ha scritto per La nave di Teseo. Libro in uscita in parallelo all’apertura dell’esposizione e intitolato “Van Gogh. L’autobiografia mai scritta”.

 PER APPROFONDIRE Van Gogh, a Padova la più grande mostra in Italia

Van Gogh. I colori della vita”, intende – sottolinea  Goldin – ripercorrere l’intero cammino della sua attività, concentrandosi sui principali punti di snodo di quel cammino. I luoghi che lo hanno visto diventare il pittore che tutti conosciamo, grazie proprio a quei luoghi medesimi, al fascino che hanno esercitato su di lui, alla loro storia che si è incisa nella sua storia. Verrà precisamente analizzato il rapporto tra l’esterno della natura, e talvolta delle città, e l’interno dell’uomo e del pittore. Per comprendere il motivo per cui sia stata così rapida l’evoluzione dell’artista e perché sia stata necessitata e indotta dall’aver vissuto in determinati posti, prima in Belgio e Olanda e poi in Francia”.

Gli 82 quadri e disegni di Van Gogh eccezionalmente riuniti al San Gaetano rappresenteranno proprio questo percorso, in una sorta di itinerario che terrà insieme l’esigenza del vedere fisico e quella dello sprofondamento interiore.

Grazie soprattutto, ma non solo, alla collaborazione fondamentale del Kröller-Müller Museum e del Van Gogh Museum, la mostra può proporre capolavori di ognuno tra i periodi della vita di Van Gogh, da quello olandese fino al tempo francese vissuto tra Parigi, la Provenza e Auvers-sur-Oise.

Dipinti famosissimi come l’”Autoritratto con il cappello di feltro”, “Il seminatore”, i vari campi di grano, “Il postino Roulin”, “Il signor Ginoux”, “L’Arlesiana”, i vari paesaggi attorno al manicomio di Saint-Rémy e tantissimi altri.

Ma la grande esposizione padovana non si limita al pur incredibile corpus di ben 82 opere di Van Gogh. A esse viene infatti affiancata una selezione di una ulteriore quindicina di capolavori di artisti, a partire ovviamente da Millet, passando tra gli altri per Gauguin, Seurat, Signac, Hiroshige, a lui precisamente collegati. O come nel caso delle tre grandi, splendide tele di Francis Bacon a inizio percorso, a indicare come la figura dello stesso Van Gogh abbia agito anche sui grandissimi del XX secolo.

I nuovi orari ampliati fino alle 21 e le norme antiCovid

La riapertura della mostra è ora prevista con orari ampliati: dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14.00 alle 21.00 (prima chiudeva alle 19.30, si è cercato di allungare al massimo ma dalle 22 scatta il coprifuoco e bisogna essere a casa), chiuso il sabato e la domenica come da decreto ministeriale anti-Covid. Sempre per effetto della normativa anti-Covid, le prenotazioni sono accettate per visite fino a tutto il 19 febbraio, termine sperabilmente prorogabile se il governo confermerà anche oltre questa data in Veneto la libertà di movimento.

La prenotazione è vivamente consigliata.

Le prenotazioni di biglietti d’ingresso, visite guidate, audioguide vanno fatte al call center di Linea d’ombra, allo 0422 429999  o sul sito www.lineadombra.it

 

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI