11 Agosto 2022
No menu items!
HomeStoriaNostraLa Bandiera Contarina, il più bel vessillo veneziano sopravvissuto dal Seicento

La Bandiera Contarina, il più bel vessillo veneziano sopravvissuto dal Seicento

La Bandiera Contarina, così chiamata perché sventolava a poppa del Bucintoro, regnante il Doge Domenico II Contarini, nella seconda metà del Seicento, è probabilmente la più bella bandiera veneziana giunta fino a noi.

L’originale, conservato al Museo Correr a Venezia, occupa un’intera parete della Sala delle Bandiere. È una bandiera imponente, in seta rossa colorata in oro, che misura ben sei metri e mezzo in lunghezza, comprese le sei code, lunghe due metri e mezzo, ed è alta tre metri e venti centimetri.

Il restauro e il comitato Veneto Indipendente

Dopo un restauro attentissimo, che ha richiesto anni di lavoro, e alla fine ha restituito alla seta i suoi splendidi colori originali, la Bandiera Contarina è stata anche riprodotta, per iniziativa di alcuen associazioni veronesi e in particolare di Palmarino Zoccatelli, presidente del comitato “Veneto indipendente”, d’intesa con la Regione del Veneto.

La splendida riproduzione della Bandiera Contarina è stata anche protagonista di una presentazione in Consiglio regionale del Veneto, introdotta da un intervento del Presidente del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, dall’assessore alla Cultura e Identità Veneta, Cristiano Corazzari, e dai consiglieri regionali Luciano Sandonà e Alessandro Montagnoli.

Il presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, presenta la Bandiera Contarina

Zoccatelli: un vessillo autentico

“Nelle rievocazioni storiche in Veneto vediamo vessilli improbabili o ricostruzioni disparate della bandiera marciana», ha spiegato in quell’occasione Palmarino Zoccatelli, presidente del comitato “Veneto indipendente”, promotore dell’iniziativa.

«Rifacendoci invece alla bandiera storica di Domenico Contarini abbiamo voluto mettere a disposizione di tutti gli appassionati un vessillo autentico, particolarissimo per altro nella foggia e nell’apparato iconografico particolarmente ricco. È il più bel vessillo veneziano giunto fino a noi».

 

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI