3 Marzo 2024
No menu items!
HomeMondo VenetoMichel Gardin ze ndà vanti. L'è stà un de quei che ne...

Michel Gardin ze ndà vanti. L’è stà un de quei che ne ga dà la Liga Veneta, e quel Leon babilonese

Addio Michel Gardin, a Dio. Ti zé partio a 68 ani, che al dì de ancùo se zé ancora zoveni. Ti zé ndà vanti el zorno avanti che la to Liga Veneta compisse 44 ani. El 15 de zenaro de sto 2024, che zé ancora 2023 more veneto.

Quel 16 de zenaro del 1980, more veneto 1979, ti zé ndà co st’altri dal nodaro Todeschini in Padova, e par primo ti gà firmà la fondazion de la Liga Veneta, e ti gavevi solo che 24 ani. E geri, ti e st’altri, la banda de mati che ne ga dà la Liga Veneta, che ne gà sbalancà un mondo che gavevimo davanti ai oci e no savevimo vedar.

L’idea de far el partito

Ti zé sta ti che ti gà vùo l’idea de far un partito, de far calcossa de più che na fondazion de lengua e cultura veneta. De ndar a le elezion. Franco Rocchetta el gaveva cualche dubio, e tanti amissi no se sentiva pronti. Gnanca ti ti geri pronto, ma ve gavé butà.

LEGGI ANCHE 16 gennaio 1980, nasce a Padova la Liga Veneta: un grazie da tutti noi

L’atto fondativo della Liga Veneta, lo Statuto. La prima firma è quella di Michel Gardin

Ti gà “scopiazzà”, par far la Liga Veneta, el Statuto del Partito Radical de to fradelo Albert Gardin, che gera co Marco Pannella tra i fondatori, e lori do, co quel storico eroico digiun del ’72 gà regalà a tuti el dirito de dirghe de no al servizio militar.

El Leon “Babilonese”

E par el Statuto de la Liga Veneta ti gà disegnà quel Leon che ti ciamavi “Babilonese“, co quela ala curva, orgogliosa, fiera. Un’ala da Arcanzolo San Michel. Quel Leon zé ancora là, sul simbolo de la Liga Veneta, e sarà senpre dentro el nostro cuor.

Il Leone “assiro-babilonese” diesgnato da Michel Gardin

To fradelo Albert Gardin, el “doge” (e ve domando scusa de le virgolete, che tignarò finché la Serenissima no torna davero), te ricorda cussì. E ne regala na conversazion via Whatsapp che ti e lu gavé vùo pochi zorni avanti, che zé massa bela, che conta de sti do grandi fradei Gardin, visionari, mati, coragiosi, ostinài, inamorài de la libertà.

Albert Gardin, il ritratto ufficiale nelle vesti di Doge

«Michel – è il messaggio che Albert Gardin ha inviato agli amici per dare loro la notizia – era un personaggio particolare con una formazione artistica e studi universitari di medicina e, ultimamente, di filosofia. Fu tra gli organizzatori all’Istituto Bertrand Russell del primo corso di lingua veneta (1978/79) e cofondatore con Franco Rocchetta, Achille Tramarin, Paolo Bergami, Bruno Dal Pian e altri della Liga Veneta e primo firmatario del suo statuto. Con i fratelli Paolo e Cristina e con me condivideva lo studio della lingua e della civiltà veneta.

Michel e Albert, i messaggi whatsapp: la Liga Veneta

Recentemente, il 14 dicembre 2023, abbiamo avuto uno scambio di messaggi whatsapp sulla fondazione della Liga Veneta che riporto integralmente:

Albert: A chi è venuta l’idea di costituire la Liga Veneta!

Michel: A mi, parché gavevimo organizà in via Cavour el corso co i venessiani Rosaria [Stellin] e Franco [Rocchetta], e go dito: par cossa ze che no podemo fare on partito e presentarse ae elession? Rosaria e Franco no i gera tanto d’accordo parché Rosaria co so mario Seno, no i se sentiva preparai. E ghemo fatto istesso. Nessuno saveva come costituire on partito, mi gò pensà de fare na associassion e registrarla dal notaio che gaveva sede vissin all’avv. [Ferdinando] Casarotti, in Galleria Storione. Gò scopiassà el statuto dal partito radicae, gò disegnà el leon assiro-babilonese [ancora in uso sui simboli della Lega] e semo andai a firmare dal notaio [16.1.1980, notaio G. B. Todeschini – Padova].

Albert: La reazion de Franco Rocchetta a la to idea?

Michel: Tien conto che Franco no gà vossuo firmare, parché el gaveva qualcosa che non dava. Invesse el nome « Liga » el ze de Franco, mi gavevo pensà « Union ». Liga, parché Franco el gera sta da poco in Polonia co a ultradestra de Solidarnosc e el voeva introdurre el grafema polacco « l sbarrata » nella sua “lingua” immaginaria. Tanto altro ghe saria da dire ma no posso scrivere cossì tanto co on cellulare, sti giorni se cominssieremo a catarse e cossì completerò ogni dettaglio».

A Dio, Michel Gardin, che no ti gà mai perso la Fede e la fede ne le bone bataje.

 

 

 

 

 

 

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI