23 Giugno 2021
No menu items!
HomeParlarVenetoLa strazzosa, poesia di Maffio Venier

La strazzosa, poesia di Maffio Venier

La canzone delle strazze: una delle più belle canzoni del Cinquecento veneziano. L’autore è Maffio Venier, nato a Venezia, in vita arcivescovo di Corfù.

 

 

LA STRAZZOSA

Amor, vivemo con la gata e i stizzi

     In t’una Cà a pe pian,
(E no vedo però che ti t’agrizzi)
Dove le lume e ’l pan
Sta tuti in t’un, la roca, i drapi e ’l vin,
La vechia e le fassine,
I puti e le galine,
E mezo el cavezzal sot’el camin;
Dove, tacà a un anzin
G’è in modo de trofeo
La farsora; la scufia, e la graela,
Do’ candele de seo,
Un cesto e la sportela,
E ’l leto è fato d’alega e de stopa,
Tanto avalìo che i pulesi s’intopa.
In pe d’un papagà se arleva un’oca,
In pe d’un cagnoleto
Un porcheto zentil che basa in boca,
Lascivo animaleto.
Soave compagnìa, dolce concerto

 

     L’oca, la gata, e tuti,
La vechia, el porco e i puti,
Le galine e ’l mio amor sot’un coverto;
Ma in cento parte averto,
Onde la Luna e ’l Sol
Fa tanto più la casa alegra e chiara,
Come soto un storiol
Sconde fortuna avara
Una zoja, una perla in le scoazze,
Un’estrema belezza in mile strazze.
El concolo dal pan stropa un balcon
Che no à scuri nè veri,
Magna in tel pugno ognun, co’ fa ’l falcon,
Senza tola o tagieri;
Sta la famegia intorno a la pignata
A aspetar che sia coto,
Ognun beve in t’un goto,
Tuti magna co un bezzo de salata.
Vita vera e beata!
Un ninziol fa per sie
Che d’un dì a l’altro è marizà dal fumo,
Man, brazzi, teste e pie
Stà a un tuti in t’un grumo;
Onde se vede un ordene a grotesche
De persone, de bestie e de baltresche.
In casa chi xe in camera xe in sala,
Chi è in sala è in magazen;
Gh’è nome un leto in t’una soto-scala;

Dove in brazzo al mio ben

     Passo le note de dolcezza piene;
Se ben la piova e ’l vento
Ne vien talvolta drento
A rinfrescar l’amor su per le vene.
Note care e serene,
Caro liogo amoroso!
Beltà celeste in povera schiavina
Covre un leto pomposo
Che à drento una gabrina,
Che fa in lu quel efeto un viso d’orca
Che in bela cheba una gaziola sporca.
In sta Cà benedeta e luminosa
Vive poveramente
Sta mia cara d’amor bela Strazzosa;
Strazzosa ricamente,
Che con più strazze e manco drapi intorno
Più se descovre e bianchi
E verzeladi i fianchi,
Com’è più bel con manco niole el zorno;
Abito tropo adorno
Sora perle e rubini,
Sora beltà che supera ciascuna!
Qual se fra do’ camini
Se imbavara la Luna
Che lusa in mezo, tal splende la fazza
E i razi de custìa fra strazza e strazza.
A sta beltà ste strazze ghe bisogna,

Che no se de’ stroparla!

     S’à da covrir de drapi una carogna
Che stomega a vardarla,
Ma quela vita in st’abito risplende
Senza industria e senz’arte,
Massizza in ogni parte
Che nè cassi nè veli al bel contende;
Carne bianche e stupende
Al Ciel nude e scoverte
Per pompa de natura poverete;
Onde a sto modo averte
E colo e spale e t…
No se pol tior un guanto ov’è l’anelo,
Se no perchè è più bel questo de quelo.
Che drapi poria mai, se i fusse d’oro,
Covrir sì bei colori,
Ch’i no fusse un leame s’un tesoro,
Un fango sora i fiorì?
Va pur cussì, che st’umiltà t’inalza,
Va, povereta, altiera
Cussì coi pie per tera,
Che ti è più bela quanto più descalza!
Come el Ciel ne strabalza
A una belezza estrema
In t’una casa che no ga do squele!
Oimè, che par che trema
Pensando che le Stele
Xe andade a catar fuora do’ despersi

Per unir le to’ strazze co i me’ versi!

Strazze mie care, onde ò ravolto el cuor,
Dolce strazze amorose
Finestre de le Grazie, ochi d’Amor!
Strazze fodrae de riose.
Che se vede a spontar fra lista e lista
Fuora de quei sbregoni
Quatro dea de galoni
Che traze lampi che ne tiol la vista!
Fia mia, chi no t’à vista
È un omo mezo vivo,
Chi te vede e no muore, è un zoco morto;
E mi che te descrivo
So che te fazzo torto
Che te tanso la gloria e te defraudo,
E te stronzo l’onor più che te laudo.
Podessio pur con dar de la mia vita
Trovar più lengue a usura,
Che la mia sola a una beltà infinita
E picola misura.
So che no digo gnente a quel che lasso,
Ma quel poco che intenda
El mesuro e comprendo
Co’ se mesura el Ciel con un compasso.
In sta belezza passo
La mia vita contenta,
Che trova salda fede in veste rote;
No go chi me tormenta

Nè ’l zorno, nè la note;

     Ghe xe un valor, un’anema in do’ peti,
Cussì co’ ghe n’è pochi in molti leti!
Cerchè, Done, d’aver sfoghi de pianti,
Refoli de sospiri,
E sempre avanti eserciti d’amanti;
Formè niovi martiri,
Nutrive cento diavoli in t’i ochi
Che tenta i cuor contriti;
Cerchè che mile afliti
Ve se regna a butar morti in zenochi.
Amor, sti m’infinochi
Mai più, frìzime alora,
Che te parechio la farina e l’ogio.
Questa è la mia Signora,
La me vol, mi la vogio,
No go qua da arabiar nè da stizzarme,
Chi vol guera d’amor se meta in arme.
Canzon mia rapezzà
Sti è per sorte ripresa, e ti riprendi
Chi te riprenderà.
Mostra che ti l’intendi,
E che se ti no à drapi de veluo,
Che quel ch’è Dio d’Amor va sempre nuo.

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI