10 Dicembre 2022
No menu items!
HomeOggiNelTempo14 maggio 1509 battaglia di Agnadello, Bartolomeo d'Alviano prigioniero

14 maggio 1509 battaglia di Agnadello, Bartolomeo d’Alviano prigioniero

L’Europa intera è schierata, nella Lega di Cambrai, contro Venezia.

Il Senato ha preparato un esercito forte di 30.000 uomini e 6.000 cavalli, al comando di Bartolomeo d’Alviano e del conte Nicolò Orsini di Pitigliano, con il compito precipuo di difendere l’Adda ed evitare, finchè possibile, il combattimento.

LEGGI ANCHE Cambrai, Venezia alla riscossa: la battaglia di Padova e la canzone della Gatta

Il re di Francia apre per primo le ostilità, ma il Pitigliano lo sfugge. Il d’Alviano, invece, non ama gli indugi e attacca decisamente.

La battaglia è incerta fino all’ultimo ma alla fine prevalgono i francesi.

Gravissime le perdite da ambo le parti: 8.000 i morti veneziani, tutta l’artiglieria caduta in mano dei francesi, fatto prigioniero l’Alviano.

Nonostante la sconfitta subìta, la fama del condottiero delle milizie venete è tale che re Luigi XII°, nel timore di trovarselo ancora di fronte, lo terrà prigioniero per quattro anni.

Marangoni G., op. cit. pag. 103

l’immagine è opera di Dimitri Zagano www.dimitrizagano.wordpress.com

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI