23 Settembre 2021
No menu items!
HomeLibri"L'oro di Venezia. (Splendori e miserie della Serenissima)" di René Guerdan

“L’oro di Venezia. (Splendori e miserie della Serenissima)” di René Guerdan

“L’oro di Venezia, splendori e miserie della Serenissima” di René Guerdan.

“Ormai è noto che Venezia ha giocato, nel campo della storia, un ruolo importantissimo e, riguardo ad alcuni paesi, addirittura decisivo.

E’ da Venezia che vennero le idee e le istituzioni più rivoluzionarie, che fu mandato in disuso il feudalesimo; da essa venne il permesso di nascita della Svizzera, e l’Europa prese la sua attuale, moderna fisionomia liberale e commerciale in Occidente, autarchica e autoritaria in Oriente.

La Costituzione di Venezia

Quando l’intero Occidente per undici secoli fu sottomesso all’arbitrio indiscusso di una Signoria o di una Monarchia assoluta, Venezia fu la sola ad essere governata da magistrati elettivi e ad avere, fin dal XII secolo, una costituzione scritta alla quale il Doge prestava giuramento. Inoltre, unica fra tutti gli stati d’Occidente, non subì mai un’invasione barbarica.

LEGGI ANCHE La Serenissima, il miglior governo di sempre: e lo dicono gli inglesi…

A Venezia attinsero i popoli per avere, dalla Serenissima città di San Marco, lezioni di educazione e di cultura. La stessa Inghilterra, infatti, patria per eccellenza del Parlamento, si ispirò ad essa nel diritto costituzionale.

Il viaggio meraviglioso

L’autore conduce il lettore in un viaggio meraviglioso attraverso i quattro punti del mondo e della storia: in Terra Santa, per esempio, dove Venezia, precorrendo di sei secoli Cook, aveva organizzato crociere e pellegrinaggi; e nei polverosi paesi della Persia, dove il fisco tassava le cortigiane in proporzione alla loro bellezza; nella Venezia del medioevo, quando piazza San Marco non era ancora che un orto attraversato da un ruscello e i palazzi non erano sorti, uno accanto all’altro, lungo il suggestivo Canal Grande; nella Venezia del Rinascimento, e dei secoli seguenti che Aretino e i suoi seguaci animarono di scandali, dove Bellini, Giorgione, Tiziano e Tintoretto gettarono il seme di una rivoluzionaria pittura; e, infine, nell’eterna, intramontabile Venezia della bauta e del tabaro: quella delle feste, dei canti, delle danze e dei vivacissimi carnevali.”
(Testo citato da sovraccoperta)

Volume composto da 318 pagine.
L’indice è diviso in due parti e cinque capitoli:
Prima parte – “Prima veneziani e poi cristiani”
I) Un’epopea commerciale
II) Visitate Venezia, le sue botteghe di lusso, le sue reliquie meravigliose!

Seconda Parte – “Libertà Legalità Fratellanza”
III) Una Democrazia nobiliare
IV) Ma… questo popolo è una famiglia!
V) Il rovescio della medaglia

Stampato dalla scuola “Arti Grafiche O. Sacra Famiglia”, Cesano Boscone (Milano, 1961).
Volume facente parte della collana “Periscopio”; edizioni “Massimo” (Milano). Prima edizione.

Stefano Veronese

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI