30 Novembre 2022
No menu items!
HomeMondo VenetoL'editore Ferruccio Mazzariol passa il testimone dopo trentatré anni

L’editore Ferruccio Mazzariol passa il testimone dopo trentatré anni

Dopo trentatré anni  il “cavaliere errante dei libri”, Ferruccio Mazzariol ha ceduto la casa editrice “Santi Quaranta” nata a Treviso nel 1989.

Trentatré anni di questo editore atipico, che definisce la sua casa editrice “una caravella” che ha continuato il suo lungo e pericoloso viaggio fra i mari burrascosi dell’editoria.

Nello stesso nome, la bellissima Porta delle mura trevigiane, c’è il significato della creatura di questo ottantaduenne che ha girato il Veneto, anzi  “Le Venezie”  palmo a palmo per diffondere i suoi libri, i suoi “angeli di carta” come li chiama il buon Ferruccio.

Indipendenza dal potere

Della Porta Santi Quaranta Ferruccio Mazzariol ha preso la bellezza, indicata dalla grazia luminosa delle copertine e da quella architettonica dei contenuti, l’indipendenza dal Potere (La Porta è dedicata ai quaranta Santi Martiri cristiani di Sebaste che non bruciarono l’incenso all’imperatore romano Licinio); e il riferimento al Leone di San Marco, emblema della grande cultura, lingua e civiltà veneta aperta al mondo adriatico, mitteleuropeo e orientale.

Nel catalogo troviamo ben 160 titoli:  fare delle classifiche è sempre molto scivoloso; dirò quelli che mi hanno colpito di più, partendo dal cofanetto ideato per le opere del grande Ulderico Bernardi (Il lungo viaggio, Il tesoro dei padri, Cara Piave, Istria d’Amore e altri), alla collana “Fiabe e leggende” (dove si spazia dall’Istria alla Dalmazia, dalla Livenza agli Euganei), a Vaclav Havel e il suo “Un uomo al Castello”, al “Sillabario veneto” di Paolo Malaguti per finire alla ristampa del capolavoro di Federico Bozzini “L’arciprete e il cavaliere” un volume che dovrebbe entrare nelle case di tutti i veneti e che descrive le vicissitudini di un paese, Cerea, al momento dell’annessione del Veneto all’Italia dopo il plebiscito-truffa del 21-22 ottobre 1866.

Santi Quaranta, voce alla nostra terra

Ma per fortuna la caravella di Ferruccio Mazzariol continuerà a navigare; da un “cavaliere errante” alla “Bottega Errante” di Udine con l’auspicio che Santi Quaranta continui a dar voce alla nostra Terra che tanto ha ancora da dire e da dare.

Al caro Ferruccio, un saluto e “on strucon” per tutto quello che ha dato a questa Terra con la speranza di ritrovarci, e questa volta senza tanta fretta, a discutere del nostro Veneto e non solo, in qualche “sana” trattoria.

 

Ettore Beggiato

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI