4 Luglio 2022
No menu items!
HomeParlarVenetoVeneziani gran signori, Padovani gran dotori, e ghe zé anca l'Istria: le...

Veneziani gran signori, Padovani gran dotori, e ghe zé anca l’Istria: le filastrocche dello Stato Veneto

Veneziani gran signori, Padovani gran dotori, Visentini magnagati…

Chi non conosce questa antica filastrocca? Ma di questo tipo di “furlane” in lingua veneta ce ne sono molte, e alcune hanno il pregio di radunare, in uno scherzoso motivetto, i territori della Serenissima. Sono una sorta di carta geografica dello Stato Veneto, in cui il prendersi in giro sta a braccetto col riconoscersi tutti nella stessa comunità veneta.

Cominciamo dalla “furlana” più famosa:

Veneziani gran signori,

Padovani gran dotori,

Visentini magnagati,

Veronesi tuti mati,

Udinesi castelani

col cognome de Furlani,

Trevisani pan e tripe,

Rovigoti baco e pipe,

I Cremaschi fa-cogioni,

I Bressan tagiacantoni,

ghe n’è anca de più tristi:

Bergamaschi brusacristi.

Per inciso: in questa filastrocca è contenuto un indizio preciso della sua antichità. Nel 1448 infatti fece molto scalpore un fatto di cronaca nera: un bergamasco fu condannato per aver pubblicamente bruciato un Crocifisso.

LEGGI ANCHE Vangelo di Marco in lingua veneziana antica: un manoscritto del Trecento che si leggeva a Messa

Ed eccone un’altra:

Venezia bela, Padoa so sorela

Seraval campana, Ceneda vilana

Conegian cazador, Belun traditor

Prata desfada, Brugnera par tera,

Sacil crudil,

Pordenon salizà

e Porzia inamorà.

 

Ce n’è anche per l’altra sponda:

 

Trieste pien de peste,

Isola famosa,

Capodistria pedociosa,

Piran pien de pan,

Umago un prete e un zago,

Sitanova chi no porta no trova

Parenzo tuti i mati zè drento,

Orsaresi pansolini

Rovignesi parigini

Quei de Pola i zè de napariola

Quei de Dignan porta bandiera in man.

 

(Testi conformi a quelli stabiliti da Manlio Dazzi ne “Il fiore della lirica veneziana”, Neri Pozza editore, Venezia 1959)

 

 

 

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI