21 Gennaio 2022
No menu items!
HomeDa non perdereLo splendido mosaico di Arminio Zuccato Veneto: così si firmavano i grandi...

Lo splendido mosaico di Arminio Zuccato Veneto: così si firmavano i grandi nel Cinquecento

Ho recentemente rivisto, dopo qualche anno, il complesso museale di Santa Caterina a Treviso; ho ammirato la chiesa con il ciclo delle storie di Sant’Orsola, la parte archeologica con importanti testimonianze paleovenete e la pinacoteca  con i capolavori di  Giovanni Bellini, del Tiziano, di Lorenzo Lotto e tanti altri.

Il ritratto del Doge Francesco Erizzo

C’è anche l’esposizione straordinaria del ritratto del doge Francesco Erizzo dipinto da Bernardo Strozzi frutto di un prestito dal prestigioso Kunsthistorisches di Vienna e che da solo merita il viaggio.

Bernardo Strozzi, ritratto del Doge Francesco Erizzo

Ma vorrei soffermarmi su un’opera che rischia di passare inosservata al viaggiatore più frettoloso, anche perché è collocata in una delle ultime sale del museo, e a quel punto il calo dell’attenzione può fare brutti scherzi.

Il mosaico di Arminio Zuccato

Si tratta di un bellissimo mosaico del XVI secolo “La partenza per Canaan”  opera di Arminio Zuccato, un’artista che francamente  non conoscevo e che nel sito della Enciclopedia Treccani viene così descritto:

Zuccato  (o Zuccati). – Famiglia di mosaicisti e pittori, originarî forse della Dalmazia, operanti a Venezia. Sebastiano (m. 1527) è autore di un Sebastiano  con donatore(Venezia, Museo Correr). Francesco (m. 1572-77 circa), figlio di Sebastiano, fu maestro di mosaico in S. Marco; su cartone di Tiziano fece (1535) il mosaico di S. Geminiano. Valerio  (m. 1576 o 1577), fratello di Francesco, eseguì in S. Marco il mosaico con S. Clemente (1532). Valerio e Francesco collaborarono nei mosaici del vestibolo di S. Marco e nella figura di s. Marco (1545) su cartone di Tiziano, nella porta centrale della stessa chiesa. Figlio di Valerio fu Arminio (m. 1606), maestro di mosaico in S. Marco (1578). Lavorò anche con Francesco su cartoni di Palma il Giovane e del Tintoretto (pala musiva degli Ognissanti a S. Pietro di Castello, 1570)”.

LEGGI ANCHE Sebastiano del Piombo, la firma: “Sebastianus Venetus faciebat”

Sempre di Arminio Zuccato è il mosaico del Cardinale Girolamo Bernieri che si trova nel museo “Il Correggio” nell’omonima città in provincia di Reggio Emilia.

Il mosaico di Zuccato nel museo trevigiano  è veramente splendido, altrettanto interessante la firma dell’opera: “Arminius Zucatus Venetus”, un altro artista che nel Cinquecento si firma, con orgoglio, “Veneto”; chissà cosa penseranno tutti coloro, e sono tanti, storici, pseudointellettuali, studiosi, giornalisti che sostengono, con una convinzione degna di miglior causa, che l’identità veneta sia un’invenzione recente?

Ettore Beggiato

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI