26 Ottobre 2021
No menu items!
HomeDa non perdereI 450 anni della Battaglia di Lepanto…c’è chi festeggia e chi sta...

I 450 anni della Battaglia di Lepanto…c’è chi festeggia e chi sta a guardare

Voglio cominciare con una domanda. Noi Veneti che ci vantiamo tanto di essere i vincitori indiscussi sia sul campo militare che morale della Battaglia di Lepanto cosa stiamo organizzando per il 450° anniversario del prossimo ottobre? La risposta in cuor mio vorrei fosse questa: “La Regione Veneto e la Città di Venezia assieme alle Associazioni Culturali stanno mettendo in campo tutto loro stessi per organizzare una formidabile parata per quel giorno…ci saranno dibattiti, verranno allestiti veri e propri tour per raccontare con orgoglio che fu Venezia assieme a tutta la Cristianità a fermare l’avanzata islamica verso l’Europa.

LEGGI ANCHE Lepanto. La Gran Bataja, la nostra storia in lingua veneta

Il mio purtroppo è solo un sogno, consapevole che essendo ormai settembre nulla di tutto ciò è stato programmato. A gettarmi ancor più nello sconforto è scoprire che in Europa stanno allestendo festeggiamenti per onorare la grande Vittoria. Insomma, i 450 anni della Battaglia di Lepanto…c’è chi festeggia e chi sta a guardare.

La Città di Granada ricorda Lepanto e i suoi Eroi

Alvaro de Bazan l'ammiraglio senza sconfitte nato a Granada e partecipò all'epica Battaglia di Lepanto (foto wikipedia)
Alvaro de Bazan l’ammiraglio senza sconfitte nato a Granada che partecipò all’epica Battaglia di Lepanto (foto wikipedia)

Granada città andalusa nel sud della Spagna non ha perso tempo. Grazie all’unione trasversale di svariate Associazione Culturali ed altri Enti cittadini si sono rimboccati le maniche ed hanno preparato un vero e proprio Tour de force della durata di UN ANNO INTERO a ricordo della Vittoriosa Battaglia. Oltre al ricordo la Città di Granada ha voluto onorare i moltissimi concittadini che presero parte attivamente a quell’evento epocale sulle navi di Giovanni d’Austria e dei Nobili Granadini Don Alvaro de Bazan e Don Lope de Figueroa. Le celebrazioni andaluse inizieranno il prossimo 7 settembre e si concluderanno nell’agosto dell’anno successivo. Nel mezzo moltissimi convegni, concerti, celebrazioni di eroi che presero parte alla Battaglia. Granada ha pure organizzato un viaggio a Lepanto nei primi giorni di marzo. La risposta dei Gruppi Culturali alla domanda: perché tutto ciò? “Chi dimentica la Storia è condannato a ripeterla”. Complimenti Granada.

Cliccando qui sotto potete scaricare opuscolo sulle celebrazioni a Granada

450º LEPANTO GRANADA

Anche nello stato italiano il ricordo è vivo…

Prodotto Filatelico inerente all'anniversario della Battaglia di Lepanto venduto da Poste italiane (foto autore)
Prodotto Filatelico inerente all’anniversario della Battaglia di Lepanto venduto da Poste italiane (foto autore)

Dopo essermi ripreso dal pugno in faccia che Granada e la Spagna infliggono al mio patriottismo serenissimo, vado al tappeto quando mi accorgo che pure lo Stato italiano alla sua vecchia maniera truffaldina ricorda i 450 anni della Battaglia di Lepanto. La vecchia maniera italiana è sempre la stessa: “Guadagnare”. Infatti, lo stato grazie a Poste italiane ha emesso per gli appassionati di Filatelica dei Francobolli celebrativi a ricordo di quel 7 ottobre 1571. Manco a dirlo si possono trovare in qualsiasi ufficio postale della Penisola Italica. Purtroppo, i 450 anni della Battaglia di Lepanto…c’è chi festeggia e chi sta a guardare, e quelli che guardano siamo noi.

La mia delusione ha il sapore amaro della sconfitta

Sarei stato molto più felice non venire a conoscenza di quanto sta per accadere a Granada. La penisola Iberica nelle vesti della Catalogna ha già in passato fatto nascere in me un sentimento che da Fiero Veneto quale sono non conoscevo: l’invidia. Sia chiaro l’invidia di cui parlo è quella positiva dell’essere “i primi a fare..”, cosa che nei secoli passati ci ha sempre contraddistinto sia come Popolo Veneto, sia come Veneta Repubblica.

Stendardo della Santa Lega (foto sito Lepanto Granada 450)
Stendardo della Santa Lega (foto sito Lepanto Granada 450)

Il pensiero va a tutto il mondo indipendentista, dalle associazioni culturali, ai movimenti, ai semplici patrioti che postano nei social: oggi abbiamo perso come popolo, abbiamo perso un grande occasione di far sentire la nostra voce, ma soprattutto abbiamo deluso i Nostri Padri. Dopo un anno e mezzo di Pandemia è tempo di rialzare la testa, fare quadrato, rimboccandoci le maniche, e ricominciare a lottare per la nostra Amata Patria. 

A quando un ritorno di fiamma tra il Popolo Veneto e il suo glorioso passato (foto autore)
A quando un ritorno di fiamma tra il Popolo Veneto e il suo glorioso passato (foto autore)

Fonte editoriale: “Sito web 450LepantoGranada”

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI