29 Settembre 2022
No menu items!
HomeMondo VenetoIl Gazzettino di Venezia chiude la redazione di Venezia e la sposta...

Il Gazzettino di Venezia chiude la redazione di Venezia e la sposta a Mestre

Il Gazzettino di Venezia chiude la redazione di Venezia e la sposta a Mestre.

Dal 1 settembre l’intera redazione di Venezia centro storico si trasferirà a Mestre, in via Torino, dove il quotidiano veneto ha la sede centrale e la rotativa.

L’Azienda: chiusura temporanea

Solo una «chiusura temporanea», assicura una nota dell’azienda, che però non dà alcuna indicazione sulla durata prevista della chiusura, dovuta – secondo la nota – alla scadenza a fine agosto della normativa emergenziale sullo smart working. Che è poi la normativa Covid che consentiva alle aziende di mettere d’autorità i lavoratori in smart working.

Insomma, con i redattori “in presenza”, probabilmente l’editore ritiene che i locali della redazione di Venezia centro storico non garantiscano ai giornalisti il livello di sicurezza “anti-contagio” richiesto dalle norme e dalla filosofia aziendale.

Ma non è una sorpresa…

Ma la scadenza della normativa emergenziale Covid non è una sorpresa. Era nota da mesi. Possibile che il gruppo Caltagirone, uno dei maggiori gruppi editoriali italiani, al quale appartiene anche il Gazzettino, oltre al Messaggero e al Mattino di Napoli, non abbia trovato il modo di prepararsi per tempo al cambio di normativa, adeguando i locali o trasferendo la redazione in una sede adatta, ma sempre a Venezia-Venezia?

I timori dei giornalisti

Se lo chiedono in queste ore i giornalisti del Gazzettino e il Sindacato giornalisti del Veneto (QUI la nota del sindacato veneto), e anche la Federazione nazionale della Stampa,  temendo che la chiusura temporanea della redazione di Venezia centro storico – tra l’altro comunicata ai giornalisti con pochissimi giorni di anticipo – possa essere un passo verso lo «smantellamento e abbandono del presidio veneziano da parte di una testata che si fregia essere “il giornale di Venezia” e la sua voce»

In pochi anni, infatti, ricorda il Sindacato veneto, il Gazzettino ha chiuso varie redazioni e uffici di corrispondenza sul territorio veneto e friulano. Ora tocca – anche se «temporaneamente» – alla redazione di Venezia-Venezia, il luogo di nascita e di affermazione del quotidiano veneto fondato dal grande giornalista cadorino Gianpietro Talamini nel 1887.

Gazzettino, giornale nazionale del Veneto

Il Gazzettino, disse una volta un altro suo grande direttore, Giorgio Lago, è il giornale nazionale del Veneto.

«Singolare -osserva la nota del sindacato veneto dei giornalisti – che di fronte alla giusta battaglia intrapresa dal Gazzettino per sensibilizzare sul fenomeno dello “svuotamento” del centro storico veneziano, sia proprio il giornale ad andarsene – seppur “temporaneamente” – dalla città che lo ha visto nascere e crescere».

L’identità veneta

Già con il passaggio del Gazzettino “giornale della democrazia veneta” come lo definì il suo fondatore Gianpietro Talamini, alla proprietà di un editore romano e “italiano” anche se di grande prestigio come il Gruppo Caltagirone, si è in qualche modo inevitabilmente annacquata l’identità orgogliosamente veneta della testata, il suo poter essere in assoluta indipendenza la voce del Veneto e del Friuli, senza padroni che non fossero e non si sentissero veneti.

La chiusura di redazioni e uffici di corrispondenza ha già indebolito il legame col territorio: ora la paventata chiusura della redazione di Venezia sarebbe un colpo durissimo. E sarebbe, anche, un colpo, altamente simbolico, alla città storica di Venezia. Che verrebbe abbandonata persino dal suo giornale, relegata a quartierino turistico anglo-cinoparlante, ormai ex città.

Patrimonio del Veneto

Il Gazzettino, come tutti i giornali storici, non appartiene soltanto all’editore ma è patrimonio della comunità di cui è voce. Il Gazzettino è patrimonio culturale del Veneto. E di Venezia capitale del Veneto, che purtroppo è tutto ciò che ci resta dell’idea della Serenissima.

Parlare di “democrazia veneta”, parlare di “identità veneta”, di “autonomia del Veneto” è stato per decenni possibile anche perché c’era un “giornale nazionale del Veneto“. Resta con noi, torna con noi, Gazzettino di Talamini, Gazzettino di Venezia e della Venezia.

 

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI