26 Ottobre 2021
No menu items!
HomeStoriaNostraLe ultime settimane del Veneto Leone in Polesine

Le ultime settimane del Veneto Leone in Polesine

E’ iniziata la campagna del Friuli, e ha luogo il temuto passaggio di truppe che, come previsto, si dirigono verso nord. Vediamo in breve come vivono le città le ultime settimane del Veneto Leone in Polesine in quei giorni di totale confusione emotiva.

Le ultime settimane del Veneto Leone a Rovigo

17-18 marzo 1797

Nel Rodigino si manifestano sembra, episodi isolati di violenza da parte di soldati francesi.

 Piazza vittorio emanuele (ex Grande) a rovigo in un dipinto antecedente il 1797
Piazza vittorio emanuele (ex Grande) a Rovigo in un dipinto antecedente il 1797

25 marzo 1797

Inoltre, saputo che alcune città avevano inviato rappresentanti a Venezia per manifestare la loro fedeltà alla Repubblica, anche Rovigo decide di adeguarsi e a questo proposito vengono inviati il conte Luigi Casalini, uno dei due regolatori, ed il nobile Pietro Salvadego.

28 marzo 1797

Base Pennone dove veniva issato il Gonfalone Marciano (Foto autore)
Base Pennone dove veniva issato il Gonfalone Marciano (Foto autore)

Il Senato Veneto decide di inviare in Polesine due compagnie di fanteria che già il primo aprile sono a Rovigo, rappresentando ben presto motivo di grande preoccupazione per il loro approvvigionamento.

LEGGI ANCHE 1395, così il Polesine divenne Serenissimo

Milizia Veneta con coccarda gialla e blu (Foto G. Sparrone)
Milizia Veneta con coccarda gialla e blu (Foto G. Sparrone)

 

“La sicurezza garantita della presenza delle truppe venete spinge comunque ad appariscenti manifestazioni di adesione al governo veneziano secondo il testimone oculare Locatelli numerosi Rodigini “di tutti li ceti cioè nobili, cittadini, mercanti e plebei hanno posta nel cappello la coccarda di due colori, cioè blu e color d’oro di S.Marco e con segno di fedelissima sudditanza nostro Principe Serenissimo, per distinguerla da Francesi che la portano di tre color celesta bianco e rosso”.

2 aprile 1797

Nel maggio del 2017 dopo 220 anni viene issata in Piazza Grande a Rovigo il Vessillo Marciano in presenza delle autorità Comunali e al 16 Reggimento Treviso (foto autore)
Nel maggio del 2017 dopo 220 anni viene issata in Piazza Grande a Rovigo il Vessillo Marciano in presenza delle autorità Comunali e al 16 Reggimento Treviso (foto autore)

Si assiste ad un’ulteriore dimostrazione di popolare di fedeltà alla Serenissima che prende avvio sul sagrato del Duomo al termine di una messa solenne a chiusura di un triduo di preghiere, un nutrito numero di persone inneggiante a San Marco. Condotto da sette rappresentanti della città che reggono altrettante bandiere, circonda il Podestà all’uscita della chiesa per riaccompagnarlo in corteo al Palazzo Pretorio, dove successivamente, nella camera delle udienze, verrà presentata ancora una volta una formale dichiarazione di fedeltà.

Metà aprile

“Sull’onda delle emozioni viene deciso di istituire un corpo militare volontario al cui comando viene proposto il capitano attendente” Agostino Casioli, capo della guardia del precedente Podestà, che si era dimostrato molto abile nel gestire i rapporti con i Francesi.

San Bartolomeo e Convento Olivetani a Rovigo. Oggi Museo dei Grandi Fiumi (Foto Web)
San Bartolomeo e Convento Olivetani a Rovigo. Oggi Museo dei Grandi Fiumi (Foto Web)

Tuttavia l’autorizzazione da Venezia, più volte sollecitata, non giungerà mai, mentre si accresce la truppa veneta la cui presenza costituisce per la città, come detto, un peso economico rilevante al punto che i regolatori s’augurano che non aumenti il numero dei soldati che prendono ad essere alloggiati presso il monastero di San Bartolomeo.

24 aprile 1797

 Chiesa-di-San-Bortolo-e-Convento-Olivetani-dettaglio-mappa-MortierRovigo.-Qui-vennereo-tenute-le-Milizie-Schiavone
Chiesa di San Bortolo e Convento Olivetani dettaglio mappa Mortier (Rovigo). Qui vennero tenute le Milizie Schiavone (Foto web)

Arrivo imprevisto dei Francesi provenienti da Ferrara diretti a Padova fa temere che anche Rovigo sia giunto il momento della capitolazione. Ma ancora una volta le truppe sono solo di passaggio ed il giorno seguente si avviano pacificamente alla volta di Monselice senza aver avuto alcun contatto con le milizie venete, tenute per prudenza appartate. Questa circostanza fa ritenere in città che siano in corso trattative di pace, delle quali si temono tuttavia le condizioni che si suppongono molto gravose.

28 aprile 1797

Immagine di Piazza Vittorio emanuele si noti la colonna marciana con leone sulla sinistra (foto web)
Immagine di Piazza vittorio emanuele si noti la colonna marciana con leone sulla sinistra (foto web)

La situazione precipita. Si percepisce il susseguirsi e l’accavallarsi di notizie che si fanno sempre più in quietanti nel corso della stessa giornata. Il giorno successivo comunque, a differenza di quanto accaduto a Padova nella quale viene immediatamente proclamata la Municipalità Provvisoria, in città non sembra accadere nulla.

Fine aprile 1797

Nei giorni seguenti, nei quali nonostante tutto nulla sembra accadere.

6 maggio 1797

I regolatori inviano un’unica lettera, a Venezia che sarà poi l’ultima.

11 maggio 1797

Colonna Marciana con Leone riposizionato a fine ottocento (Foto autore)
Colonna Marciana con Leone riposizionato a fine ottocento (Foto autore)

Durante la notte, giunge a Rovigo il generale Giovanni Rusca che prende possesso della città. “Subito arrivato mandò a chiamare a sé il nobilhomo Niccolò Venier ora nostro Podestà e Capitano e gli diede l’arresto libero con libertà di scegliersi o Padova o di rimaner qui a Rovigo, ma con proibizione di non andar a Venezia. Esso nobilhomo scelse di stare in libertà qui in Rovigo e andò ad alloggiare a casa del signor conte Giovanni Angeli”.

Le ultime settimane del Veneto Leone ad Adria

 

Ecco come invece vengono raccontate le ultime settimane del Veneto Leone nella città di Adria dal Nobile F.G. Bocchi.

31 marzo 1797

Probabile Coccarda pro Repubblica Veneta indossata dalla popolazione nelle settimane antecedenti la caduta (Foto web)
Probabile Coccarda pro Repubblica Veneta indossata dalla popolazione nelle settimane antecedenti la caduta (Foto web)

“In questa mattina l’Emo nostro Rappresentante (il Podestà) ci regalò a noi Francesco Girolamo Bocchi Governator e Lucantonio Grotto Sindico Deputati di questa Città una Coccarda Nazionale. Collo stesso Rappresentante abbiamo fatto un passeggio per Adria, colla Coccarda in Cappello, e perciò tutti o quasi tutti presero In Coccarda”

2 aprile

Particolare della Mappa di metà Settecento della Città di Adria si noti il Vessillo Marciano sventolare al centro della Piazza. (foto web)
Particolare della Mappa di metà Settecento della Città di Adria si noti il Vessillo Marciano sventolare al centro della Piazza. (foto web)

“Abbiamo fatto Consiglio Generale. Siamo stati eletti noi due Deputati per portarsi a Venezia e rinnovare il voto di sudditanza”.

6 aprile

Piedistallo originale che sosteneva lo stendardo Marciano datato 1559 (foto web)
Piedistallo originale che sosteneva lo stendardo Marciano datato 1559 (foto web)

“In questa mattina in Venezia con la Colleganza del Nob. Lucantonio Grotto nell’Ece.mo Pien Collegio, come Governatore Deputato ho pronunciato un ‘Orazione a nome della Città di Adria, e abbiamo giurato sull’Evangelo d’essere Fedeli al S.mo nostro Prencipe. Lo stesso Prencipe ci rispose molto compitamente e con molta Bontà e clemenza”.

 

25 aprile 1797

Disegno del particolare Vessillo Marciano posto nella Cattedrale di Adria il 25 aprile 1797 (Disegno Ilaria Ferrarese )
Disegno del particolare Vessillo Marciano posto nella Cattedrale di Adria il 25 aprile 1797 (Disegno Ilaria Ferrarese)

In questa mattina nella solita Processione di S. Marco la Città fece portare una sua Bandiera con l’Insegna Marchesca. Terminata la Processione, fu esposta in chiesa questa Bandiera, e  fù attaccata al di sopra del Capitelo della colonna in faccia al Pulpito. V’è in detta Bandiera il Motto seguente “Sub umbra alarum Tuarum protege nos”.

30 aprile 1797

Niccolò Badoer podestà di Adria riceve una lettera dal cugino Niccolò Venier podestà di Rovigo in cui scriveva: Sono nella medesima incertezza che voi. Le voci universali vogliono le truppe francesi non lontane di qui. Non ho istruzioni, ma sono deciso, non partirò da Rovigo se non cacciato a forza. Voi fate ciò che meglio credete.

1 maggio 1797

Agli inizi di maggio vengono tolti i Gonfaloni Marciani (foto web)
Agli inizi di maggio vengono tolti i Gonfaloni Marciani (foto web)

Furono levate quasi tutte le Coccarde di S. Marco Sull’ora di Mezzogiorno fu levata la Bandiera suddetta

11 maggio 1797

“In oggi il Nunzio si spedì un espresso con Lettera che ci significa che la Consulta rappresentativa con Governo provvisorio in Venezia nel giorno 9 corrente decreta la Democrazia”.

12 maggio 1797

Immagine appartenente ai nobili adriesi Bocchi della Città di Adria sul finire del settecento (foto autore)
Immagine appartenente ai nobili adriesi Bocchi della Città di Adria sul finire del settecento (foto autore)

“In una nostra Conferenza assemblea destinarono Nob. Sig. Co.Giulio Lupati Machiavelli Ciambellano e Marchese Ippolito Tassoni provveditori per portarsi a Rovigo a complimentare a nome della Città il Generale Francese Rusca”.

13 maggio 1797

De Maurizio Felice. Ritratto del generale Rusca - Incisione. (ca.1840- foto web)
De Maurizio Felice. Ritratto del generale Rusca – Incisione. (ca.1840- foto web)

“In oggi è arrivato in Adria il Generale di Brigata G.B Rusca, conquistò questa Città per la Repubblica Francese”

14 maggio 1797

“In oggi pianto l’Albore della Liberta, con suoni”.

28 maggio 1797

Dopo due settimane agli arresti al Badoer e alla sua famiglia viene ordinato di abbandonare immediatamente Adria.

Immagine di probabile incarcerazione del Podestà di Adria Badoer all'arrivo del generale Rusca (Foto web)
Immagine di probabile incarcerazione del Podestà di Adria Badoer all’arrivo del generale Rusca (Foto web)

Dopo quasi tre secoli di assoluta dedizione e pace, l’ultima carica pubblica della Repubblica Veneta lascia la nostra città per non farvi mai più ritorno. Le ultime settimane del Veneto Leone in Polesine finiscono senza colpo ferire. I Polesani saranno protagonisti nel decennio successivo con le Insorgenze del luglio 1809.

 

Fonti Editoriali: “Annali Adriesi” di G. Pastega, “Rovigo e il Polesine tra rivoluzione giacobina ed età napoleonica” capitolo di L. Servidei “Gli ultimi giorni della serenissima a Rovigo cronache locali”, “Grande Illustrazione del Lombardo-Veneto” di C.Cantù

 

 

- Advertisment -

I PIU' POPOLARI